~ 4 Commenti

4 Consigli di Luce Artificiale: Food Photography in Studio

Ricetta del Successo: Food Photography e Luci da Studio

Gli scatti con lo SmartPhone sono veloci e istantanei. Per il website del tuo Ristorante, però, o una stampa di qualità per la comunicazione cartacea, occorrono strumenti professionali per fotografare il Food con una resa ineccepibile.

Tra questi c’è la strumentazione per gestire la luce artificiale, per esempio con la softbox, per diffondere e ammorbidire la luce eccessiva e innaturale del flash.

Fotografia Perfetta con Luce Naturale

Come un mantra ripetiamo sempre:

Non c’è nulla che possa rendere le tue food foto più appetibili della luce naturale.

Proprio perché è naturale, soffusa, avvolgente riesce a creare un’atmosfera ineguagliabile per i tuoi scatti. Basta posizionarsi vicino a una finestra – senza luce diretta del sole – ed ecco quasi pronto il set perfetto per immortalare un bel piatto di pasta fumante.

Come!? Un articolo sulla luce artificiale e parliamo di luce naturale?

Luce Artificiale con Effetto Naturale

Se stai effettuando un reportage serale nel tuo ristorante, fotografando un piatto posizionato nel tuo set e il sole improvvisamente è coperto da una nuvola o inizia a piovere, cosa fare? Hai due possibilità:

  • cucinare nuovamente e riprovare con il sole
  • aiutarti usando una luce artificiale

Sposando la seconda ipotesi, è chiaro che quello che tutti i fotografi vogliono ottenere con la luce artificiale sia una effetto naturale. In sostanza una finzione che non sappia di finzione.

La luce artificiale è molto difficile da gestire e l’effetto può essere disastroso, ma se usata bene ti regala il vantaggio di preparare e realizzare gli scatti con calma e in situazioni in cui non usufruisci di una buona fonte di calda e morbida luce naturale.

Qualità e temperatura delle 3 tipologie di luce artificiale.

4 Pratici Consigli per Usare la Luce Artificiale

Ecco allora 4 consigli preziosi per iniziare a utilizzare la luce artificiale per i tuoi scatti:

Procurati una Luce Speciale

Luce speciale vuol dire … Speciale. Quindi quella della cucina del tuo Ristorante non lo è, anzi, è la peggiore che ci possa essere per fare foto ai tuoi piatti. Usare la luce artificiale non vuol dire accendere le luci del Ristorante, ma spegnerle. Perché?

Puoi ottenere una luce naturale soltanto utilizzando un diffusore o una softbox in un ambiente buio. Una strumentazione cioè che consenta di diffondere e arrotondare la luce artificiale, che altrimenti risulterebbe eccessiva, innaturale, falsando la resa di linee, forme e colori del piatto.

Spegni le luci della stanza e usa solo la Luce Speciale.

Puoi acquistare una softbox o anche costruirne una fai-da-te.

Per costruire una softbox ti occorre soltanto una scatola abbastanza rigida alla quale togliere il fondo. Ottieni così una cornice molto profonda.

Fodera poi una delle due aperture con un telo di cotone o con carta da forno. Utilizza l’altro lato per posizionare un faretto, possibilmente a luce bianca

Le softbox – professionali o DIY – creano una luce molto soffusa non direzionale, ricreando una luce molto vicina a quella naturale.

Procurati un Pannello Riflettente

Per simulare la luce naturale occorre procurarsi anche un pannello riflettente, generalmente di colore bianco ma anche dorato per effetti particolarmente caldi e brillanti. Questo servirà a riempire le zone d’ombra con la luce proveniente dalla softbox … un po’ come fanno le pareti di casa con la luce del sole che entra dalla finestra.

L’uso di un pannello riflettente aiuta a tenere sotto controllo le ombre troppo nette e profili scuri. Avvicinandolo o allontanando aumenterai o diminuirai la luminosità complessiva dello scatto. Adattalo in base alle tue condizioni di scatto.

Anche in questo caso, se non vuoi ricorrere a strumenti professionali, puoi utilizzare un foglio, una tavola di polistirolo o di PVC bianco, ecc.

Usa la Luce in Modo Radente

La softbox va posizionata accanto al tavolo o alla base d’appoggio, a un lato del piatto. Quindi non sopra, ma lateralmente o posteriormente e molto vicina al soggetto. Immagina un sole al tramonto.

La Food Photography ha bisogno di evidenziare i dettagli, gli ingredienti, i colori, i volumi e questo è possibile solo con una luce di questo tipo.

Hai mai fatto caso che le foto scattate al mattino o in serata sono molto più belle di quelle scattate a mezzogiorno? Succede per lo stesso motivo: la luce alta del sole appiattisce i dettagli e toglie tridimensionalità agli oggetti.

Piccolo Consiglio

Scatta quasi in controluce per evidenziare i dettagli e creare un effetto di profondità.

Usa le Impostazioni Manuali della tua Fotocamera

Non affidarti alle impostazioni automatiche. La modalità manuale (o al limite priorità diaframma) è da preferire quando realizzi uno scatto su un piatto preparato in un set nel tuo ristorante o in uno studio fotografico.

Ecco alcuni consigli pratici:

ISO: avendo una buona luce puoi aggirarti intorno ai 200/400 ISO (più bassi ci teniamo, più qualità avremo). Ti aiuta ad aumentare la velocità di chiusura dell’otturatore ed evitare il micromosso dei tempi lunghi, comunque risolvibile con l’aiuto di un tripode.

Otturatore: da 1/60 a più veloce. Uno scatto rapido permette di cogliere ogni movimento, anche quello della goccia di olio che scivola via.

Diaframma: per una foto radente, apri il diaframma fino a 3.2/3.5 – ancor di più per scatti macro, dove sfruttare la profondità di campo – in modo da creare un effetto sfocato deciso ma non troppo invadente. Se vuoi scattare dall’alto, hai bisogno di avere tutto a fuoco: un diaframma 7.0 può bastare.

Esempio di Set Food Fotografico per foto di qualità.

Conclusione

Come hai visto, la luce artificiale può risultare davvero utile per le tue creazioni. Inoltre ti permette di avere un set sempre pronto e performante, con risultati di alto livello qualitativo a ogni scatto.

Vuoi provare a scattare seguendo i miei consigli? Fammi sapere come è andata e continua a seguirci su CnR.

Articoli Correlati

Webgrafia

a cura di

Per la rubrica Ricetta del Successo

Fabio Panichi

Laureato in Scienze della Comunicazione—ind. Pubblicità e Marketing—sono un grafico e fotografo specializzato nella comunicazione di eventi, hotel e ristoranti. Sfoglia il mio Portfolio, anche su Flickr.

Seguimi su → twitter facebook google+

Articoli che potrebbero interessarti:

5 Semplici Oggetti per una Food Photography da Rivista

Ti è mai capitato di guardare meravigliose fotografie food su riviste o ricettari e chiederti: quale...

Food Photography: Suggerimenti e Consigli per Scatti Efficaci

Ancora immagini ne “La Ricetta del Successo On-line” che oggi affronta il tema delle tecniche...

Food Photography: Come Raggiungere il WOW Effect

Secondo appuntamento con il visual marketing nella storica rubrica di CnR, la Ricetta del Successo. Nella...
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Flò
5 anni fa

ciao che bello questo articolo, molto utile, proverò a costruire una soft box ^^ spero di riuscirci!ciao ciao!

letizia
letizia
5 anni fa

molto bello questo articolo
non sono una tecnica ma mi hai insegnato molto sulla luce
ciao e grazie

Mirco Moretti
Admin
5 anni fa
Reply to  letizia

Grazie Letizia,

i complimenti aiutano a migliorare … sempre!

Continua a seguirci, il nostro Fabio tornerà presto con
altri post dal taglio pratico e di facile lettura.