~ 2 Commenti

Trovapiatto: Portale Geo-Local a Caccia di Piatti

Trovapiatto - Piatti e Ristoranti Geo-localizzati

La Ricetta del Successo On-line”, sempre alla ricerca di novità tecnologiche e strategiche nel mondo del Web Marketing  per la Ristorazione,  oggi affronta un altro progetto tutto italiano. A cura di Muse Comunicazione®.

Trova il Piatto che ti Garba

In questi giorni ho ricevuto una e-mail promozionale, da un nuovo portale di ricerca geo-localizzata non tanto di ristoranti, quanto di piatti. Il progetto è italiano e mi ha fatto subito pensare a Foodspotting, che amo molto e di cui vi ho già parlato qualche post fa.

Trovapiatto promette di aiutare gli utenti, da desktop e da smartphone, a trovare un ristorante su misura per le loro esigenze, ricercando il piatto maggiormente desiderato. Vediamo come si comporta…

Testiamo per te Trovapiatto

Essendo una start-up, Trovapiatto non ha ancora la completezza del collega americano, ma è comunque un tentativo tricolore riuscito. Nella brochure in pdf allegata alla e-mail promozionale, si nota subito un QR-Code, buon sistema per integrare l’off-line con l’on-line. Purtroppo la stessa è poi usata anche sul sito web per la voce (link) “Descrizione”. Per questioni inerenti usabilità ed esperienza utente, sarebbe stato meglio prevedere una pagina in html allo scopo.

La landing-page (pagina di atterraggio) dell’e-mail promozionale è l’homepage stessa del sito, attuando una strategia di sola promozionenon creando fidelizzazione tramite un’area dinamica con le ultime novità: es. gli ultimi piatti, i nuovi ristoranti inseriti, le ricette, la parola agli chef… Da migliorare!

Nel testo inoltre si parla di web app fruibile anche da smartphone, ma per ora la community è solo per utenti desktop, non essendo ancora disponibile – almeno, così sembra – un’app (web o nativa) ottimizzata per il mobile. La navigazione da Smartphone (ho testato con iPhone) è difficoltosa, elemento non trascurabile trattandosi di Business Geo-local e fortemente orientato alla fruizione Mobile ed On-The-Go.

L’architettura dei contenuti è un po’ contorta e il layout non centrato appieno intorno alla User Experience dell’utente medio. Hanno optato per un visual design semplice – badate, può essere un punto di forza – con Logo e Icone in stile “cartoon”. L’idea di rendere amichevole, immediata e pulita l’interfaccia è giusta, però, andrebbe curata meglio nei dettagli, nella scelta cromatica e tipografica, al fine di migliorarne feeling ed esperienza d’uso.

È un progetto italiano, che manifesta in modo pressante il bisogno della Ristorazione di innovare e adeguarsi ai nuovi strumenti mediatici e comunicativi e ai nuovi bisogni ed abitudini all’acquisto dei nostri utenti, sempre più mobili ed orientate all’Holiday Shopping On-line.

Come Funziona Trovapiatto?

Anche su Trovapiatto le linee guida sono lo Sharing sui Social Media, il Business Geo-referenziato, il Marketing dell’esperienza, e il cuore della ricerca e della condivisione è costituito dai piatti.

L’utente inserisce un piatto che desidera gustare, di cui appariranno con un menù a tendina tutte le possibili declinazioni e varianti (anche se nell’elenco ho notato incongruenze e intrusioni di ricette senza alcuna affinità) e lo seleziona.

Può anche optare per le Offerte Speciali (una strizzata d’occhio a deal e sconti) oppure selezionare la l’elenco completo indicato con un vago “Qualsiasi piatto o locale”.

Nel secondo campo di ricerca può inserire la propria posizione geolocalizzandosi, perfetta per gli utenti che utilizzano dispositivi mobile e sono “sulla strada“– in questo caso, dunque, sarebbe più d’aiuto una localizzazione automatica – a caccia di un posticino nelle vicinanze,  ma si può anche digitare una città manualmente. Si possono filtrare i risultati per:

  • I più cliccati
  • In base alla distanza
  • I più graditi su Facebook (grazie all’opzione “Mi piace”)
  • Ordine alfabetico

Ristoratori: la Visibilità del Classico Portale

Altro sistema per trovare la soluzione alla tua esigenza è la ricerca per  ristoranti, suddivisi classicamente per regioni e province, con la possibilità di entrare nelle schede dei singoli locali, che riportano:

  • Logo
  • Nome
  • Descrizione (lunghe ed eccessive per il web)
  • Menù con i vari piatti (ho molto gradito il campo piatto “vegetariano”)
  • Link al sito
  • Mappa Google
  • Recapiti: telefono, fax (ma qualcuno ancora lo usa?) ed e-mail
  • Bottoni di condivisione: +1, Twitter e Facebook

Note alla scheda

Interessante l’opzione della mappa, selezionato piatto e locale, e la possibilità di telefonare con un tap da dispositivi mobili.

I piatti spesso non riportano l’immagine fotografica, la formattazione dei testi è spesso incoerente, tutti elementi che fanno supporre che il ristoratore possa inserire da sé i dati all’interno della sua area, non sempre con precisione ed efficacia.

Infine ultima pecca sicuramente la presenza di banner pubblicitari – soprattutto perché provenienti da circuiti Adv non proprio professionali!!! dove sono sponsorizzati business ed attività non a tema. Dunque, attenzione ragazzi.

Il Model Business di Trovapiatto

Sicuramente questo portale è una grande opportunità per l’utente ed è uno strumento che in futuro, non appena sarà cresciuto e maturato a dovere, potremo memorizzare sui dispositivi “nostrani”, soprattutto mobili.

Non riesco, purtroppo, a comprendere bene come funzioni per l’operatore. Sul sito campeggia un’area riservata, dove presumo si possa accedere per inserire in autonomia notizie e menù della propria attività ristorativa. Nella brochure si assicura che la presenza sul potale è gratuita e che gli operatori possono utilizzare il database di Trovapiatto per fare campagne DEM. Forse è qui il Business di Trovapiatto?

Sarei lieta di comprenderlo e come me i nostri lettori, imprenditori di spessore, che ormai hanno compreso che il web non è e non deve essere gratis. Se sul web investi tempo e risorse, significa che stai applicando strategie di Web Marketing, che non stai facendo una spesa ma un investimento e quindi, a fronte di un costo, ti aspetti un ritorno sia in immagine sia in fatturato.

D’altro canto i fornitori di fiducia per carne, vino, bevande, cannucce, stuzzicadenti o formaggi, ti hanno mai offerto prodotti gratuiti dicendo: “…un giorno ci pagherai se sarai soddisfatto del nostro prodotto” ?

Quindi invito i ristoratori a meditare su questo punto e i colleghi Web Marketer a proporre servizi con una chiara politica di pricing e con espliciti riferimenti al ROI (Ritorno sull’Investimento).

Conclusioni

Il progetto è apprezzabile e gradito. Facciamo i migliori auguri a questa interessante start-up, il cui staff ci piacerebbe intervistare, il quale spero faccia buon “pro” dei nostri piccoli e modesti consigli.

Invito i lettori a testare e a diffondere questo progetto, che sicuramente crescerà in funzionalità, visibilità e posizionamento (mi raccomando, non indicizzazione, un termine spesso usato a sproposito).

Inviateci feedback, commentando i post e contattandoci a info {at} musecomunicazione.it : costruiamo insieme la rubrica. Stay Tuned!

Scopri altre Start-up di cui abbiamo parlato:
• Case History: Tragus e Strada
• The Eatery: su Mobile il Food diventa App
• Meet Ness Motore di Ricerca Personalizzato
•  Foodspoting: Alla Ricerca del Piatto Perduto
New Gusto: una Food Community Tutta Italiana

Muse ComunicazioneDi Nicoletta Polliotto Muse Comunicazione® è una Web Media Agency specializzata in analisi, pianificazione e realizzazione di progetti di promozione on-line per il Food&Wine e le PMI in genere. Puoi contattarci a info@musecomunicazione.it. Vai sulla pagina Facebook e Twitter.

a cura di

Per la rubrica Ricetta del Successo

Nicoletta Polliotto

Chef di Cucina per Muse Comunicazione®, Web Media Agency specializzata in analisi, pianificazione e realizzazione di progetti di promozione on-line per il Food&Wine, il Turismo e le PMI.

Seguimi su → twitter facebook google+

Articoli che potrebbero interessarti:

Mobile App a Tavola tra Cibo e Buoni Sconto

Come ogni Martedì, “La Ricetta del Successo On-line”: ultime novità in fatto di Web Marketing,...

The Eatery: su Mobile, il Food diventa App

“La Ricetta del Successo On-line”: dopo la breve pausa di Halloween, torna l'appuntamento con...

Foodspotting, il Trova Piatti Rinnovato

Food App & Techno News fa un balzo nel tempo: Ritorno al Futuro con Foodspotting… un anno...
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Andrea
9 anni fa

Salve, sono l’Ing. Andrea Bonanno e sono co-fondatore e responsabile tecnico di TrovaPiatto. Prima di tutto vorrei sottolineare quanto questa recensione sia stata gradita sia dal sottoscritto che da Roberto Marchese, altro fondatore e responsabile dell’area commerciale, che ha lasciato a me il piacere di rispondere. Ne accogliamo positivamente sia i commenti positivi quanto le critiche. Di seguito, cerco di chiarire la situazione del portale e alcune sue caratteristiche. TrovaPiatto è un progetto in fase di startup: concepito da due menti, nei primi mesi il team è stato composto da sole tre persone a cui solo recentemente si è aggiunto… Leggi il resto »