~ Commenta per primo

Chef Eleni Pisano Punta alla Sostenibilità nella Ristorazione

Chef Eleni Pisano Punta alla Sostenibilità nella Ristorazione

Riteniamo che i valori condivisi siano il terzo ingrediente indispensabile per il successo di un’impresa ristorativa, con la qualità del prodotto e la cura del servizio.

Devono essere autenticamente intrecciati con scelte e gesti dell’imprenditore. Non basta “dipingersi di verde” ma bisogna condividere e vivere questi credo. Approfondiamo con → Eleni Pisano, beer chef e consulente per ospitalità e turismo esperienziale

Bio di Chef Eleni Pisano

Eleni Pisano scrive, fotografa, insegna e racconta di cibo. Esperta di turismo esperienziale in ambito brassicolo, beerchef, food stylist e beernauta alla ricerca di eccellenze.

Lavora per grandi marchi del mondo birrario italiano, avvicinandosi poi al mondo brassicolo artigianale e da lì sviluppa la propria filosofia di cucina. Eleni è convinta che il cibo sia il più potente e straordinario mezzo di sviluppo e comunicazione, partendo dal rispetto, dalla dignità e dalla bellezza ecclettica della dieta mediterranea.

Questi alcuni gli elementi forti del suo approccio: conoscenza, cultura e rispetto per l’ambiente, per chi lavora e per la diversità.

Intervista

Seguiamo Eleni Pisano da alcuni anni (leggi i suoi contributi su trend alimentari e ruolo dello chef), ne apprezziamo le radici nella cooperazione internazionale a contatto con chi lavora la terra.

Ci piace come tratta le spezie, considerandole alleate indispensabili di gusto e benessere. Ritiene la stagionalità un elemento di sicurezza, la birra – quella artigianale –, il tocco creativo e innovativo che parla di contesti e territori.

Per narrare questo suo coinvolgente approccio, abbiamo deciso di dedicarle la puntata di Interviste al Femminile.

Come evolvono Ristorazione italiana e Accoglienza Turistica, dopo il lungo periodo di crisi? Quali le prospettive e le opportunità nell’immediato, per questi comparti?

La pandemia, dopo un lungo, intenso momento di paura e di assoluta incertezza, ha iniziato ad attivare in moltissime professioniste e professionisti del settore la voglia di reagire.

Una delle cose che spesso sento dire è che questa situazione ha fatto capire quanto sia preziosa e importante la vita, quanto sia importante vivere bene e, per quanto riguarda l’alimentazione, selezionare con cura i prodotti.

La qualità del lavoro, i tempi necessari per offrire sapori, piatti gustosi e innovativi sono elementi sempre più importanti. Per questo io vedo nella ristorazione maggiore attenzione, meno arroganza e più voglia di socializzare e condividere.

Le prospettive sono chiare: il rispetto nella filiera produttiva, l’attenzione all’ambiente e alla diversità delle persone e la sincerità di quello che si offre. Approcci arroganti e disonesti mai come ora non avranno nessuna possibilità di emergere e durare.

Meglio piccoli numeri ma che fidelizzino e che attivino davvero il passaparola.

Qual è stata la tua personale risposta alla crisi? E quali risultati stai ottenendo grazie ai tuoi intenti e progetti?

Non facile. All’inizio ho provato un senso di confusione, impiegando parecchio tempo per rendermi un conto di cosa stesse accadendo: avevo l’impressione di vivere una “commedia”.

Mi sono attivata facendo cibo, ancora una volta, il mio modello prediletto di linguaggio. Ho organizzato incontri video in cui ho unito due passioni: la lettura e le spezie.

Ho avviato delle collaborazioni su temi per me importanti: dall’educazione alimentare, alla cultura gastronomica, insegnando come realizzare in modo facile e creativo ricette in casa.

Credo sia importante partire dalla bellezza delle cose per affrontare anche i momenti più complicati. La risposta delle persone è stata ottima e mi ha commossa a tratti. Vedo ora tradotti I frutti di quel lavoro, con le molte proposte e collaborazioni su cui sto lavorando.

Cucina salutare e Valori: quanto sono rilevanti nella proposta ristorativa? Rivestono il solo ruolo di fattore comunicativo oppure i clienti si aspettano di più?

È sempre stata la base imprescindibile del mio approccio alla cucina e al cibo. Prima di questo lavoro – che creato da zero e su cui ho lavorato tanto – mi occupavo di cooperazione internazionale e ho avuto la fortuna di conoscere, visitare e vedere il lavoro di contadine e contadini nel mondo per circa 15 anni.

Dobbiamo sempre chiederci: cosa mangiamo, da dove arriva, come è stato prodotto, se qualcuno è stato sfruttato, perché mangiare è l’atto più intimo e personale che ognuno di noi fa.

Non possiamo soffermarci ore su come vestirci e non interessarci di cosa mangiamo. Dunque, per me non è comunicazione ma significa rispettare se stessi e la natura.

Quali benefici immediati possono trarre i ristoratori che scelgono attenzione all’ambiente, rispetto per gli animali, lotta agli sprechi, in una parola: Sostenibilità, come aspetto fondante di offerta e stile di accoglienza?

Per me cucinare bene, con gusto, bilanciato non può prescindere dal farlo con materie prime che rispettano la filiera produttiva e ambientale. Gli sprechi sono molto spesso incapacità di trasformare al meglio le materie prime.

La sostenibilità non è una moda e non un trend da far pagare caro al cliente.

È una necessità per vivere meglio, noi stessi e tutti gli altri. Ripaga sempre e rende più bello il lavoro che facciamo.

Inclusività: cosa può ispirare a chi si occupa di food?

Non sono una modaiola e non amo seguire trend che spesso non hanno molto dietro le parole.

La cucina (e ancora prima il cibo) è per sua stessa natura inclusiva. Davvero possiamo immaginare di produrre ancora in modo intensivo, distruggere territori, devastare il clima, aumentare le intolleranze e le malattie per l’essere umano in nome di un cibo omologato, economico (falsamente perché i danni di produrre cibo non sostenibile o di qualità non hanno prezzo e non sono reversibili) che non rispetta?

Bisogna capire che il cibo è la prima forma di rispetto nel rapporto tra Terra e Persone.

Parliamo di Tecnologia. Alcuni sostengono che automatizzare e standardizzare facciano perdere di umanità all’arte dell’ospitalità. Cosa ne pensi?

Come è ormai evidente a tutti, la tecnologia non è più un’opzione ma una scelta obbligata e se sfruttata correttamente non può far altro che efficientare i processi di business di qualsiasi operatore.

Riconosco l’importanza della tecnologia e non posso negare che a volte faciliti specialmente in fase di reperimento di un locale o di una realtà turistica ma credo, ancora fortemente, all’incontro fatto di persone, agli sbagli che si risolvono con la volontà e l’ascolto, alla crescita fatta d’interazioni.

Tutto questo richiede tanta professionalità, amore per il proprio lavoro e continuo studio e ricerca. Questa secondo me è la vera rivoluzione.

«I clienti sono distratti e inconsapevoli… Guardano solo al prezzo più basso e conveniente… Il cliente non comprende la mia arte culinaria (non è mica un gastronomo)…». Queste sono ricorrenti affermazioni provenienti da un certo ambito della ristorazione. Non è forse giunto il momento di pensare a un mondo nuovo per la ristorazione italiana?

I clienti possono arrivare da te inconsapevoli e distratti a volte sono anche arroganti ma la parte formativa e costruttiva del nostro mestiere è quello di accogliere.

Per mangiare dalle mani di qualcun altro devi riporre moltissima fiducia, a volte lo si dimentica. Il nostro ruolo è quello di ricordarlo, creare un ambiente accogliente e disteso e far capire che, prima di vedere quanto costa, si voglia provare un’esperienza nuova e lasciarsi contaminare.

L’arroganza non è mai un buon viatico… né da parte del cliente né da parte del ristoratore.

Dove possiamo incontrarci o seguirti?

Online, ovviamente!… Puoi curiosare tra i miei canali web e social:

Per tradizione, ci lasciamo raccogliendo consigli e auguri per i nostri lettori ristoratori?

Continua a credere nel tuo progetto di ristorazione, immagina sempre che al tavolo servito potresti esserci tu… La qualità di ciò che offriamo deve essere sempre al massimo.

Accetta i momenti di stress e non “tirare troppo”, recupera il giusto tempo per fare al meglio il tuo lavoro.
Ultima cosa, non iniziare col dire: è impossibile!

Grazie per attenzione e disponibilità… Buona ripresa a tutti!

Conclusione

Ringraziamo Eleni per averci raccontato la sua storia. Resterà qui con noi a disposizione per domande e curiosità su come conciliare sostenibilità e inclusione nel lavoro quotidiano di uno chef e di un progetto di food experience. Ragioniamo insieme sul futuro della ristorazione italiana e del segmento F&B.

La nostra rassegna di incontri e interviste, per confrontarci con le diverse esperienze e strategie da adottare nel post Covid-19, è un appuntamento fisso del giovedì. Se gradisci, iscriviti e segui la nostra newsletter.

Udemy ospita il nuovo Corso di Digital Food Marketing.
18 Lezioni on-demand per la tua auto-formazione.

Eventi Librari e Seminari in Italia

Incontraci per discutere vis-à-vis di temi contenuti nel libro. Consulta gli eventi sulla pagina Facebook oppure contattaci per una presenza anche nella tua città.

SEMINARI E LEZIONI ONLINE

Identità digitale: Comunicare sui Social per creare una Community [Webinar]
I Appuntamento, Confesercenti Ravenna, Online, 11 novembre 2021 h. 15:00-16:30

Experience Design per la rinascita del turismo al digitale [Webinar]
DMT ospite a BITESP, Online, 23 novembre 2021 h. 10:00-18:00

Pillole di Restaurant Branding [Webinar]
WeLevel, Online, 6 dicembre 2021 h. 10:00-11:00

EVENTI ONLINEPensieri Balenghi

[VideoLezioni]
Le video lezioni in pillole ora anche su YouTube, ogni Mercoledì h.11:00, in replica ogni giorno sulla pagina facebook di Muse Comunicazione.

[Podcast]
✦ TELEGRAM: https://t.me/PensieriBalenghi
✦ SPREAKER: https://www.spreaker.com/show/pensieri-balenghi
✦ APPLE PODCASTS: https://podcasts.apple.com/us/podcast/pensieri-balenghi/id1521869769

a cura di

Per la rubrica Ricetta del Successo

Nicoletta Polliotto

Chef di Cucina per Muse Comunicazione®, Web Media Agency specializzata in analisi, pianificazione e realizzazione di progetti di promozione on-line per il Food&Wine, il Turismo e le PMI.

Seguimi su → twitter facebook google+

Articoli che potrebbero interessarti:

Logo Restyling: Nuovo Brand per il Blog sulla Ristorazione

Come promesso e annunciato qualche giorno addietro, il percorso di re-branding per il nostro amato...

CnR · Comunicazione nella Ristorazione cambia Look e Chef

Un ben tornato a tutti i fedeli – e un po' meno fedeli :) — lettori… lo è proprio in tutti...

Taste, tra Food Blog e Community Online

Il Giovedì de La Ricetta del Successo on-line torna con un richiamo forte a 2 elementi del Food...
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments