~ Commenta per primo

Dal Calice al CRM: Evoluzione Digitale del Turismo del Vino

Dal Calice al CRM: Evoluzione Digitale del Turismo del Vino

Mentre il settore agroalimentare e vitivinicolo spesso dileggia o ignora la tecnologia e l’innovazione, la loro applicazione compie passi da gigante in questi ambiti.

La produzione e distribuzione del vino, così come l’enoturismo, ne stanno traendo enormi vantaggi. Cerchiamo di comprenderne le ragioni con → Filippo Galanti, co-founder di Divinea e Winesuite.

Intervista a Filippo Galanti

Fiorentino di nascita e milanese di adozione, Filippo Galanti si laurea in Ingegneria Elettronica a Firenze, conseguendo anche un Double Degree in Ingegneria dell’Automazione alla Pontifícia Universidade Católica di Rio de Janeiro e al Politecnico di Milano. Inizia la sua carriera nel mondo della finanza e dell’Oil & Gas, per poi entrare in e-Novia come Business & Innovation Development Manager e consulente di start-up.

Filippo insegna e contribuisce a diversi corsi di specializzazione e master post-laurea in università italiane. Parla correntemente cinque lingue e ha viaggiato in più di 50 Paesi. È anche sommelier e proprietario di una cantina in Toscana.

Libro consigliato su Amazon Books

Approfondisci l’argomento con il libro → In Vino Business. Utopia economia e operatività della wine list al ristorante

Nel 2019 fonda Divinea, impresa tecnologica che sviluppa un software CRM e marketing che supporta oltre 400 aziende vitivinicole nell’incrementare le vendite dirette e nella gestione professionale dell’enoturismo.

Wine Suite, difatti, consente alle cantine di:

  • Aumentare le vendite dirette
  • Personalizzare l’esperienza d’acquisto
  • Risparmiare tempo nella gestione enoturistica
  • Automatizzare la fidelizzazione dei clienti

Buongiorno Filippo e ben ritrovato sul nostro blog. Ci siamo incontrati per un’intervista un paio d’anni fa. Cosa è cambiato nel panorama dell’enoturismo in Italia?

Il panorama dell’enoturismo in Italia ha subito notevoli trasformazioni. Innanzitutto, l’enoturismo è asceso nella gerarchia delle priorità delle aziende vitivinicole, affermandosi come uno dei pochi settori in crescita per la maggior parte delle cantine. Questo ramo offre ora opportunità di marginalità attraenti e, in alcuni casi, si è rivelato indispensabile per compensare il calo di fatturato in altri canali, primo fra tutti l’export.

Le aziende hanno inoltre affinato la loro capacità di valorizzare il tempo dedicato ai visitatori. Ne è prova tangibile l’aumento del 18% dello scontrino medio per prenotazione enoturistica nel 2023 rispetto all’anno precedente. Parallelamente, si è registrata una maggiore flessibilità nell’offerta: le cantine si mostrano sempre più disponibili ad accogliere i visitatori durante i fine settimana e propongono attività diversificate nel corso dell’anno, contribuendo così a destagionalizzare i flussi turistici.

Questi cambiamenti testimoniano un’evoluzione significativa del settore, che si sta adattando con successo alle nuove dinamiche del mercato e alle esigenze dei visitatori.

Informazione, formazione, aggiornamento sono fondamentali per la cultura d’impresa, anche nella ristorazione e nella somministrazione. A che punto siamo in Italia? La cultura aziendale cresce nel comparto agroalimentare?

Le imprese vinicole italiane sono principalmente piccole e medie realtà familiari che, nel corso degli anni, hanno spesso mostrato carenze manageriali e lacune nella valorizzazione del brand e nelle strategie di vendita. Tuttavia, stiamo assistendo a un’evoluzione positiva del settore.

Grazie all’ingresso delle nuove generazioni in azienda e a una sensibilità sempre crescente da parte dei produttori nel dotarsi di professionisti esterni per migliorare il proprio business, questo gap sta progressivamente diminuendo. Le competenze manageriali e di marketing si stanno rafforzando, permettendo alle aziende di affrontare meglio le sfide del mercato moderno.

Nonostante questi progressi, c’è ancora molto da lavorare. Molte realtà necessitano di ulteriori investimenti in formazione e aggiornamento per allinearsi pienamente alle best practice del settore, ma i segnali di miglioramento sono evidenti e incoraggianti.

Libro consigliato su Amazon Books

Approfondisci l’argomento con il libro → Digital food marketing. Guida pratica per ristoratori intraprendenti

Enoturismo: qualche anno ormai è passato dall’applicazione delle regole previste con la legge 205/2017. Cosa è cambiato da allora, soffermandoci su dati e nuove tendenze?

Il disegno di legge è stato il primo passo fondamentale. Indubbiamente, il mondo del vino sta iniziando a raccogliere i primi risultati dai flussi turistici, in parte stimolati dalla normativa.

Tuttavia, l’impressione è che, fatta eccezione per alcuni distretti vinicoli d’eccellenza, ci sia ancora un elevato potenziale inespresso. Ad esempio, la capacità di estrarre valore in termini di fatturato medio per enoturista è ancora lontana da quella dei cugini francesi.

La vendita diretta del vino in azienda è un punto solido che ricorre nei tuoi ragionamenti. Cosa puoi dirci sul rapporto tra enoturismo e vendita diretta, alla luce dei nuovi dati e in relazione agli andamenti internazionali?

La vendita diretta è il canale che consente all’enoturismo di diventare, già nel breve periodo, un’attività economicamente sostenibile. È importante sottolineare che 3 visitatori su 4 acquistano vino al termine della visita, con uno scontrino medio per nucleo di €140.

Un valore in crescita di quasi il 20% rispetto allo scontrino medio del 2022 per il vino venduto nel punto vendita.

Osserviamo che varia notevolmente in funzione dei territori, come è facile comprendere. Tuttavia, è anche fortemente dipendente dalla capacità dell’addetto alle visite di creare empatia con il turista e di creare le giuste condizioni affinché acquisti vino al termine dell’esperienza.

Libro consigliato su Amazon Books

Approfondisci l’argomento con il libro → Digital wine marketing. Guida alla promozione online del vino e dell’enoturismo

Dal Report Enoturismo e Vendite Direct-to-Consumer 2024, emerge una nuova figura di wine lover che si sposta per scoprire vini, territori di produzione, contenuti legati al mondo del vino. Come possiamo descrivere oggi l’enoturista?

L’enoturista moderno presenta caratteristiche ben definite:

  • Nel 60% dei casi si muove in coppia
  • Il 43% ha meno di 35 anni
  • 4 volte su 5 preferisce pagare anticipatamente il valore dell’esperienza
  • Tende a bere meno, ma è orientato all’acquisto di bottiglie più ricercate
  • Predilige esperienze all’aria aperta
  • Si muove principalmente nel fine settimana

Infine, la stagionalità si estende da maggio a ottobre, con una recente tendenza a includere anche l’inizio della primavera e il tardo autunno.

Vino e Tecnologia: perché oggi un produttore vitivinicolo deve possedere un CRM e un kit di strumenti di automatizzazione e gestione funzionale dei dati?

L’adozione di un CRM e di strumenti di automatizzazione è fondamentale per un’azienda vitivinicola moderna perché offre tre vantaggi chiave: conoscenza, efficienza e miglior servizio al cliente. Queste caratteristiche sono diventate indispensabili nel settore.

Abbiamo condotto un progetto di ricerca sulla sostenibilità del CRM, dal quale è emerso un dato interessante: sono soprattutto le aziende medio-piccole a sfruttare questo strumento di lavoro con maggiori risultati. Ciò avviene perché, avendo limitato personale e risorse, queste realtà devono ottimizzare al massimo il loro tempo e i loro processi per gestire le numerose attività che un’organizzazione complessa come un’azienda vitivinicola richiede.

Libro consigliato su Amazon Books

Approfondisci l’argomento con il libro → We are the Glitch. Come AI, Web3 e Metaverso stanno trasformando il settore dell’Accoglienza

Sostenibilità e Vino: in che relazione si pongono oggi? Ci possiamo a tuo avviso fermare al concetto di sostenibilità ambientale oppure occorre allargare la nostra visuale?

Quando pensiamo alla sostenibilità nel settore vitivinicolo, la sostenibilità ambientale è certamente la prima che ci viene in mente. È fondamentale allargare la visione includendo anche la sostenibilità sociale e, soprattutto, quella economica.

Contesto nel quale il CRM gioca un ruolo determinante. Attraverso i dati raccolti, consente di sviluppare strategie basate su analisi concrete. Inoltre, la gestione informatizzata dei flussi enoturistici e di vendita comporta un significativo risparmio di tempo e un incremento dei fatturati e dei margini.

Dove possiamo incontrarti e seguirti, per approfondire i temi trattati in questa interessante intervista?

Offriamo diverse opportunità per approfondire questi temi:

Webinar formativi gratuiti: Organizziamo sessioni mensili aperte a tutte le persone che lavorano in cantina. È possibile registrarsi alla nostra newsletter dal sito web per ricevere gli inviti.

Eventi formativi sul territorio: Collaboriamo con i principali enti territoriali per organizzare eventi formativi in presenza. Per rimanere aggiornati su queste iniziative, consiglio di seguire i nostri profili social Facebook e Instagram.

2 Cent per i tuoi pensieri: quali le idee che hai in mente e che svilupperai nella seconda metà del 2024?

Stiamo lavorando su due fronti principali per migliorare la nostra offerta:

Integrazione di Wine Suite con i principali portali di enoturismo in Italia. Questo permetterà alle aziende di incrementare il flusso di visitatori in cantina.

Finalizzazione dell’integrazione con i principali software ERP del mondo del vino. L’obiettivo è duplice: migliorare la produttività degli addetti all’ospitalità e offrire un’esperienza ottimizzata per l’acquisto di vino in cantina.

Grazie per avermi ospitato nuovamente e un caro saluto a tutti i ristoratori, vostri lettori.

Conclusione

Ringraziamo Filippo per averci fatto comprendere la stretta relazione tra applicazione della tecnologia e successo delle attività di enoturismo. Cosa ne pensi degli argomenti che abbiamo affrontato? Hai a che fare con il mondo del turismo eno-gastronomico? Se hai domande o desideri ulteriori approfondimenti, non esitare a contattare direttamente lo specialista. Suggerisci temi o condividi la tua esperienza nel mondo della ristorazione.

Con questa intervista, iniziamo il periodo estivo, durante il quale ci prendiamo una pausa per ricaricare le batterie e per raccogliere idee, spunti e novità per i nostri appuntamenti editoriali e gli approfondimenti dal mondo del food e dell’accoglienza ristorativa.

A settembre riprenderemo con le pubblicazioni per accompagnare il lettore verso una vera e propria Re-Start della ristorazione italiana.

Scoprilo con noi. Se lo preferisci, iscriviti e segui la nostra newsletter.

Segui la pagina Digital Food Marketing Lab. Scopri percorsi di formazione verticali e immersivi, in presenza e online.

Udemy ospita il Corso di Digital Food Marketing.
18 Lezioni on-demand per la tua auto-formazione.

Eventi Librari e Seminari in Italia

Incontraci per discutere vis-à-vis di temi contenuti nel libro. Consulta gli eventi sulla pagina Facebook oppure contattaci per una presenza anche nella tua città. Seguici in presenza e online!

EVENTI ONLINEPensieri Balenghi

[VideoLezioni]
Le video lezioni in pillole ora anche su YouTube.

[Podcast]
✦ TELEGRAM: https://t.me/PensieriBalenghi
✦ SPREAKER: https://www.spreaker.com/show/pensieri-balenghi
✦ APPLE PODCASTS: https://podcasts.apple.com/us/podcast/pensieri-balenghi/id1521869769

a cura di

Nicoletta Polliotto

Chef di Cucina per Muse Comunicazione®, Web Media Agency specializzata in analisi, pianificazione e realizzazione di progetti di promozione on-line per il Food&Wine, il Turismo e le PMI.

Seguimi su → twitter facebook google+

Articoli che potrebbero interessarti:

Tendenze Innovative nella Ristorazione: Tecnologia, Delivery e Automatizzazione

Misurare e cavalcare le tendenze è un'esigenza cruciale, a prescindere dall'ambito merceologico...

Programmi di gestione delle Prenotazioni per ristorante

Per gestire il ristorante è sempre meglio sapere in anticipo chi avremo a pranzo o a cena per organizzarsi....

Turismo Enogastronomico: Esperienze tra Museo e Ristorante

Il nostro patrimonio agroalimentare e vitivinicolo, unito alla tradizione gastronomica e dell'ospitalità,...
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments