~ Commenta per primo

Ventuno Bistrot: Storia del Ristorante, tra Eleganza e Cabala

La ristorazione tartassata dalla pandemia ma anche Bella Addormentata del mondo imprenditoriale italiano. Iniziamo una rassegna di proposte innovative per controbattere e sconfiggere la crisi.

Racconteremo alcune di queste storie, come testimonianza di resistenza, di crescita e innovazione. Un benvenuto al nostro primo ospite → Simone Gori, chef di Ventuno Bistrot, di Firenze.

Bio di Simone Gori

Chef Simone Gori, classe 1990, completa i suoi studi all’alberghiero F. Martini di Montecatini Terme. Tante esperienze in giro per l’Italia, lavorando nell’alta ristorazione presso ristoranti stellati, come l’Enrico Bartolini presso il Devero Hotel di Cavenago (MB).

Affina le abilità ed esplora i propri “confini del gusto” nel ristorante Viel Dal Pan (al rifugio Luigi Gorza Arabba, BL), poi all’Hotel Posta Marcucci di Bagno Vignoni e all’Osteria l’Murin c/o Hotel La Perla di Corvara.

Nel 2019 anni decide di tornare in Toscana, intraprendendo la propria attività e visione con il suo Ventuno Bistrot

Intervista

Il Ventuno Bistrot si trova in una zona periferica ma frequentata e servita, in Via de Vespucci 21, traversa di via Pistoiese all’incrocio con via Baracca, in borgo Peretola.

Come dice l’architetto Renzo Piano: «…La periferia è una fabbrica di idee, la città del futuro». Su questa scommessa, il temerario Simone Gori inizia la sua avventura imprenditoriale, in solitario, in un luogo poco usuale fuori dal centro di Firenze ma non per questo meno interessante.

Via de Vespucci ricorda una piccola strada di Notting Hill a Londra: case basse, giardinetti, un parcheggio facile da trovare. Entrando in Bistrot da una piccola fumoir esterna, si ha l’impressione di trovarsi in una casa dei primi del ’900. Sulla destra si apre una sala intima, con tre tavoli tondi ben distanziati e, attraverso un corridoio, si arriva nella sala principale.

Legno a terra, runner grigio sulla tavola, un’ambientazione calda e di atmosfera grazie alle luci ben dosate. Ristorante intimo e servizio fluido sono l’essenza stessa della parola Bistrot. Con questo spirito Simone coglie gli stimoli di una realtà in costante cambiamento, dove lo Chef, nato nella generazione dei “millennials”, scrive il suo Menù.

La sua regola è quella del 21, simbolo di creatività e libera espressione: il locale si trova al numero 21, il Menù viene cambiato il 21 del mese. Le pietanze proposte, escluse il dolce, sono 12 (numero inverso).

Buongiorno Simone. Ti occupi personalmente dell’accoglienza e del servizio agli ospiti. Cosa proponi per farti conoscere, soprattutto ai nuovi clienti?

Simone Gori: Grazie per l’invito su Comunicazione nella Ristorazione.

Nel mio nuovo spazio ho concentrato tutto il piacere di un’accoglienza personale senza filtri, dove ho la possibilità di cucinare ed esprimere una narrazione fresca nel piatto.

Oltre al Menù à la carte, ho creato due proposte guidate:

Il Mio Percorso – Racconto alcune tappe fondamentali del mio viaggio in cucina, rendendo omaggio alle persone che mi hanno formato, verso il Ventuno Bistrot.

Al Buio – Gioioso e sorprendente, dove suggerisco la mia scrittura degli ingredienti del giorno, personalizzata per il tavolo.

Ho girato tante cucine, ho assorbito sapori e racconti che combino nei miei piatti. Nei ristoranti stellati ho imparato a esplorare ingredienti e gusti. In cucina, mi affiancano Lorenzo Tarchiani e Lorenzo Corti, compagni di studi e lavoro in ristoranti con cucina toscana di tradizione e in Alto Adige.

Ventuno Bistrot - Chef Simone Gori e Brigata Cucina
Chef Simone Gori, Risotto con Rapa Rossa e Brigata di Cucina.

I piatti cambiano ogni mese, immancabili però sono i classici dedicati alle origini della nostra formazione culinaria, da provare nelle loro diverse sfumature stagionali:

  • Uovo a bassa temperatura, spuma di Pecorino di Pienza e Tartufo
  • Risotto con Rapa Rossa, limone e capperi
  • Costine di Maiale in salsa barbecue
  • Dessert Cioccolato alla terza

La carta dei vini è sempre in evoluzione. Privilegiamo le etichette di giovani produttori con belle storie da raccontare.

Cosa ami di più del tuo Lavoro?

La cosa che amo maggiormente è creare un momento di stacco con la quotidianità, facendo entrare l’ospite in luogo in cui poter ritrovare la giusta dimensione nel rito del convivio.

Adoro trasmettere, comunicare e preparare esperienze di una sincerità totale, sia nelle proposte sia nel servizio.

Qual è il tuo rapporto con il mondo Digitale?

Ho trenta anni appena compiuti e i social media fanno parte integrante della mia generazione.

Appena aperto il ristorante, ho sentito la necessità di creare una vetrina digitale che mi rappresentasse: un valido sito web e profili sui social media funzionali e performanti… Li gestisco direttamente e personalmente, voglio trasmettere autenticità e raccontare dall’interno le mie emozioni, il mio lavoro e la mia impresa.

Questo è un anno che nessuno dimenticherà. Come avete impostato il lavoro durante l’emergenza? Avete tenuto desto l’affetto e l’attenzione dei vostri ospiti?

È un anno in cui abbiamo capito il significato della parola resilienza, in tutte le sue sfumature.

Nel primo anno di attività abbiamo instaurato rapporti molto stretti con i nostri clienti. La maggior parte proviene proprio dal borgo di Peretola, nel quale siamo ubicati.

Grazie a una buona comunicazione sui canali social – stringendo relazioni con le istituzioni del quartiere – abbiamo creato un network molto forte, anche con gli altri commercianti in zona. Ci permette di mantenere alta la notorietà e il consenso.

Ovviamente, ogni giorno cerco di dialogare attraverso i miei account, raccontando del ristorante e delle nostre idee. Non si può mollare.

Grazie per attenzione e disponibilità… Buona ripresa a tutti!

Conclusione

Ringraziamo Simone Gori per essersi “confessato” ai lettori di CnR. Simone è a tua disposizione per domande e consigli. Scrivi le tue opinioni sulla ricerca e l’innovazione, nuove soluzioni di prenotazione e di distribuzione dell’offerta ristorativa. Ragioniamo insieme sul futuro della ristorazione italiana.

La nostra rassegna di incontri e interviste, per confrontarci con le diverse esperienze e strategie da adottare nel post Covid-19, è un appuntamento fisso del giovedì. Se lo preferisci, iscriviti e segui la nostra newsletter.

Resta in contatto, diffondi i contenuti e contribuisci alle nostre discussioni. Proponi la tua esperienza, offriti volontario per raccontare la tua storia, suggerire nuove interviste o recensioni.

Consulta gli eventi del nuovo Digital Food Marketing Lab, percorsi di formazione verticali e immersivi, ora online.

Nasce → DFMLab Academy Online

Online, un ciclo di giornate formative dedicate alle nuove opportunità del digitale e sociale per Food e Ristorazione. Il coronavirus ci ha “sfrattati“ dai luoghi d’incontro fisici ma… Noi ci siamo trasferiti online con giornate di lezione, simulazioni, esercizi e tanto coaching.

Progettato da Muse Comunicazione per Food Makers e Operatori dell’Accoglienza, coordinato da Nicoletta Polliotto.

I migliori specialisti del settore ti aspettano per affrontare tematiche verticali in Full Immersion Day, su piattaforma online, comodamente collegato da casa.

Eventi Librari e Seminari in Italia

Incontraci per discutere vis-à-vis di temi contenuti nel libro. Consulta gli eventi sulla pagina Facebook oppure contattaci per una presenza anche nella tua città.

SEMINARI E LEZIONI ONLINE

Presto nuovamente disponibili… Keep in touch!

EVENTI ONLINE

Pensieri Balenghi [VideoLezioni]
Le video lezioni in pillole ora anche su YouTube, ogni Mercoledì h.11:00, in replica ogni giorno in mattinata sulla pagina Facebook di Muse Comunicazione.

Prossimi eventi: in definizione…

N.B. Condividi aspettative e bisogni su Turismo e Ospitalità nella pagina della nostra: Collana DMT – Digital Marketing Turismo.

a cura di

Per la rubrica Ricetta del Successo

Nicoletta Polliotto

Chef di Cucina per Muse Comunicazione®, Web Media Agency specializzata in analisi, pianificazione e realizzazione di progetti di promozione on-line per il Food&Wine, il Turismo e le PMI.

Seguimi su → twitter facebook google+

Articoli che potrebbero interessarti:

L’Eleganza dei Gamberi su una Vellutata di Fagioli

A Grenoble è arrivato l’inverno: domenica la neve ha ricoperto la città e già da 15 giorni nei...

La Vanità del Salmone in Crosta

Continuo la mia rubrica con la mini-maratona di Ricette Natalizie. Ancora un secondo di pesce, così...

8 Regole per Stupire i tuoi Ospiti con un Nuovo Menù

Ne sono sicura!?… Sei un ristoratore attento e oculato, già consapevole di quanto il Menù del...
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments